GESTIRE IL BULBO

Partiamo da un presupposto: I bulbi di tulipano dovrebbero essere piantati in autunno! Chi viene al Tuliparty e decide di acquistare una pianta con il bulbo, potrà provare, però, a trapiantarla nel proprio giardino o in vaso per godersi la fioritura e cercare di farla rifiorire la prossima primavera. Ci sono diverse tecniche per provare a conservare i bulbi, questa è quella che consigliamo noi:

IN VASO:
Appena arrivati a casa con in vostri tulipani, trapiantateli immediatamente (se non potete piantarli subito, teneteli in una bacinella con acqua fresca, fino al momento in cui potrete trapiantarli). Una volta piantati, con bulbo e radici ben coperte dal terriccio, bisognerà dargli una bella bagnata (diciamo un bel bicchiere di acqua per tulipano). L’indomani dovremo verificare che i tulipani abbiano attecchito. Se ne troverete qualcuno “floscio” occorrerà reciderlo lasciando una o due foglie piantate con il bulbo, mentre il fiore dovrà essere messo in acqua a finire la fioritura.
I tulipani che avranno attecchito (normalmente quasi tutti), potranno essere lasciati in vaso fino a quando sfioriranno. Una volta sfioriti dovrete recidere immediatamente sotto il calice del fiore ma non toccate le foglie!! le foglie dovranno restare li fino a quando seccheranno (di solito giugno). Una volta seccate, il tulipano sarà andato a “riposo”, potrete tagliare quello che resta delle foglie e mettere il vaso, (con la terra bene asciutta) in un posto fresco per fargli passare l’estate. Se non potrete spostare il vaso, l’ideale sarà raccogliere i bulbi, avvolgerli in un sacchetto di carta e riporli al fresco.
A fine settembre, primi di ottobre, RICORDATEVI di rimettere il vaso fuori per fare prendere ai nostri tulipani pioggia in autunno e freddo in inverno; dopodichè in primavera le piante dovrebbero ricrescere e rifiorire. Usiamo il condizionale perchè la ri-fioritura dipende da molti fattori e non è garantita.

IN GIARDINO:
In giardino scegliete un posto all’ombra. Più fresco staranno d’estate più ci sarà la possibilità che i tulipani rifioriscano.
Appena arrivati a casa con in vostri tulipani, trapiantateli immediatamente (se non potete piantarli subito, teneteli in una bacinella con acqua fresca, fino al momento in cui potrete trapiantarli). Appena piantati, con bulbo e radici ben coperte dal terriccio bisogna dargli una bella bagnata (diciamo, minimo, un bel bicchiere di acqua per tulipano). L’indomani dobbiamo verificare che i tulipani abbiano attecchito. Se ne trovate qualcuno “floscio” occorrerà reciderlo lasciando una o due foglie piantate con il bulbo, mentre il fiore dovrà essere messo in acqua fresca a finire la fioritura.
I tulipani che avranno attecchito (normalmente quasi tutti) procederanno regolarmente con la loro fioritura. Una volta sfioriti dovrete recidere immediatamente sotto il calice del fiore e ma non toccate le foglie! le foglie dovranno restare li fino a quando seccheranno, senza passargli il tagliaerba sopra. A giugno quando saranno seccate le foglie potrete decidere se lasciare i tulipani a dimora o (soprattutto se si tratta di un posto in pieno sole) raccoglierli, metterli in un sacchetto di carta e riporli in cantina, al fresco, fino a fine settembre, per poi ripiantarli.
Chiaramente la ri-fioritura dipende da molti fattori e non possiamo garantirla.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close